Benvenuti in PROGRESSI, motore di partecipazione

"PROGRESSI, l'Italia in movimento" fa mobilitazione online e sul territorio, per avviare un cambiamento progressista dell'economia, della politica e della società.

Il modello è semplice: attraverso la piattaforma online noi vogliamo trasformare le richieste dei cittadini, spesso "isolate, invisibili e impotenti", in risorse sempre più "collegate, visibili e potenti".

Sono diverse, infatti, le risorse che possiamo mettere a disposizione di una causa e che fanno la differenza quando si uniscono: la firma di una petizione, i contatti con cui condividerla, il tempo da dedicare a un'iniziativa o un evento nella nostra città, il sostegno con una donazione. 

Noi non siamo un partito politico e non ci interessa partecipare alle elezioni, ma vogliamo portare nel dibattito pubblico alcune questioni spesso trascurate dai partiti: dal cambiamento climatico ai diritti civili, dai trattati internazionali di libero commercio all'equità fiscale. 

PROGRESSI è molto di più di un sito di petizioni online, è un motore di partecipazione nuovo, che applica all'Italia un sistema già diffuso in altri paesi, come Stati Uniti, Germania e Regno Unito. 

Stiamo costruendo la piattaforma insieme ai nostri sostenitori, per offrire nuovi strumenti digitali mirati ad aggregare, coinvolgere e dare voce ai cittadini. Partecipa alle nostre iniziative online e offline, mandaci idee su come migliorare il sito, come attivarci in nuove campagne, come 'fare progressi' insieme. 

@vittoriolonghi 


  • gli ultimi blog

    Eritrea, libertà e democrazia ancora lontane

    L’Eritrea celebra oggi, martedì 24 maggio, il 25° anniversario della sua indipendenza. Saremmo i primi a celebrare se quell'indipendenza avesse significato libertà e prosperità, dopo 30 anni di conflitto con l'Etiopia. Invece l'oppressione continua, per mano degli stessi che nel 1991 liberarono il Paese. Da mesi chiediamo alle istituzioni nazionali e internazionali di intervenire affinché in Eritrea si rispettino i diritti umani, affinché si interrompa il servizio militare obbligatorio e indefinito, affinché sia applicata la Costituzione.  
    leggi tutto

    Il Mezzogiorno dimenticato

    Vi è ampia evidenza sul fatto che i divari regionali, in Italia, sono in continuo aumento ed è noto che i Governi che si sono succeduti negli ultimi anni hanno somministrato dosi relativamente maggiori di austerità proprio alle aree più deboli del Paese.
    leggi tutto
    Vedi tutti i post

Tutte le campagne Le tue campagne
SOSTENIAMO

GIULIO REGENI
  • michela ha firmato "Per una Politica credibile e responsabile".
    Firma anche tu.
  • Angela ha firmato "Per la Carta dei diritti universali del lavoro".
    Firma anche tu.
  • Beatrice ha firmato "Agli anziani la pensione, ai giovani il lavoro. In una parola? Flessibilità!".
    Firma anche tu.
  • Alfredo ha firmato "Niente muro al Brennero".
    Firma anche tu.
  • Domenico ha firmato "Nessuno evada nei paradisi fiscali".
    Firma anche tu.
  • luana ha firmato "Una sola bandiera contro il terrore".
    Firma anche tu.
  • Daniele ha firmato "Mille treni per i pendolari".
    Firma anche tu.
  • Alessandro ha firmato "Fermiamo gli aumenti delle bollette e lo spreco di energia".
    Firma anche tu.