Benvenuti in PROGRESSI, motore di partecipazione

"PROGRESSI, l'Italia in movimento" fa mobilitazione online e sul territorio, per avviare un cambiamento progressista dell'economia, della politica e della società.

Il modello è semplice: attraverso la piattaforma online noi vogliamo trasformare le richieste dei cittadini, spesso "isolate, invisibili e impotenti", in risorse sempre più "collegate, visibili e potenti".

Sono diverse, infatti, le risorse che possiamo mettere a disposizione di una causa e che fanno la differenza quando si uniscono: la firma di una petizione, i contatti con cui condividerla, il tempo da dedicare a un'iniziativa o un evento nella nostra città, il sostegno con una donazione. 

Noi non siamo un partito politico e non ci interessa partecipare alle elezioni, ma vogliamo portare nel dibattito pubblico alcune questioni spesso trascurate dai partiti: dal cambiamento climatico ai diritti civili, dai trattati internazionali di libero commercio all'equità fiscale. 

PROGRESSI è molto di più di un sito di petizioni online, è un motore di partecipazione nuovo, che applica all'Italia un sistema già diffuso in altri paesi, come Stati Uniti, Germania e Regno Unito. 

Stiamo costruendo la piattaforma insieme ai nostri sostenitori, per offrire nuovi strumenti digitali mirati ad aggregare, coinvolgere e dare voce ai cittadini. Partecipa alle nostre iniziative online e offline, mandaci idee su come migliorare il sito, come attivarci in nuove campagne, come 'fare progressi' insieme. 

@vittoriolonghi 


  • gli ultimi blog

    L'Ue riparta dai diritti umani

      L’Unione Europea dovrebbe tornare a svolgere un ruolo di promozione e tutela dei diritti umani. Aver firmato un accordo con Erdogan per fermare i flussi di persone in fuga da guerre e persecuzioni, ha rafforzato il governo turco e consentito a Erdogan di moltiplicare la repressione e le violazioni dei diritti civili e dei diritti umani.
    leggi tutto

    CETA, un passo verso la trasparenza?

      Dopo mesi di dibattiti, petizioni, manifestazioni e interpellanze parlamentari, otteniamo un risultato importante sul CETA, il trattato di libero scambio Ue-Canada.  La Commissione europea ha aperto alla possibilità di un accordo misto, lasciando l'ultima parola ai parlamenti nazionali.La pressione esercitata da Ong, sindacati e movimenti in tutta Europa, insieme all'azione dei parlamentari nazionali - anche in Italia - ci fa fare un passo avanti e restituisce dignità ai parlamenti sulle scelte economiche comunitarie.
    leggi tutto
    Vedi tutti i post

Tutte le campagne Le tue campagne
SOSTENIAMO

GIULIO REGENI
  • Massimiliano ha firmato "Fermiamo la deriva autoritaria in Turchia".
    Firma anche tu.
  • Cesare ha firmato "Stop al caporalato. Coltiviamo la legalità".
    Firma anche tu.
  • Rosaria ha firmato "Sono Fermo contro il razzismo".
    Firma anche tu.
  • Fotios ha firmato "Mille treni per i pendolari".
    Firma anche tu.
  • eliana ha firmato "L’Italia consenta una discussione democratica sul CETA".
    Firma anche tu.
  • Anna ha firmato "Per la Carta dei diritti universali del lavoro".
    Firma anche tu.
  • Paola ha firmato "Agli anziani la pensione, ai giovani il lavoro. In una parola? Flessibilità!".
    Firma anche tu.
  • Filippo ha firmato "Fuori il TTIP dalla mia città".
    Firma anche tu.