Un anno di Progressi

"Progressi è la prima no-profit italiana che mobilita i cittadini su temi progressisti attraverso strumenti digitali avanzati. Finora abbiamo avviato più di 40 campagne, a cui hanno aderito oltre 130mila persone. Abbiamo partecipato e collaborato a decine di iniziative nazionali e locali. Le nostre campagne online hanno dato voce a migliaia di cittadini con richieste di cambiamento a governo e parlamento. Grazie a tutti i sostenitori che hanno reso questo possibile".
Non possiamo lasciarli soli
Le nostre piattaforme hanno dato la possibilità anche a cittadine e cittadini di lanciare le proprie petizioni e ottenere risultati. L'ultima è stata avviata da Antonella Zammito, un'insegnante siciliana con un figlio disabile grave e una sede di lavoro lontana dalla famiglia. Antonella ha lanciato una petizione ai ministeri dell'Istruzione e della Pubblica Amministrazione affinché i genitori in queste situazioni potessero essere avvicinati. Grazie a Progressi Antonella è riuscita a raccogliere circa 12mila firme. In seguito, facendo pressione sulla Commissione Lavoro alla Camera e sulle segreterie dei due ministeri - e tramite la mediazione del sindacato - siamo riusciti a ottenere una modifica al contratto di lavoro degli insegnanti consentendo ai genitori con figli disabili gravi di essere assegnati a una sede di lavoro più vicina alla famiglia. 

antonella.jpg

Digital Tax
In vista della legge di Bilancio, abbiamo rivolto un appello al governo “Digital Tax anche in Italia” insieme al Tax Justice Network e ad alcune associazioni dei consumatori. Con la petizione, firmata da circa 5mila persone, abbiamo voluto ricordare all'ex primo ministro Renzi la sua promessa di introdurre una tassa sui profitti delle multinazionali digitali in Italia. La petizione è stata promossa anche con un video di Tommaso Faccio, docente dell'università di Nottingham, in cui si spiega la necessità di una simile imposta in Italia. rilanceremo la petizione e la campagna con il nuovo governo. Nei media: Contro la CrisiHelp Consumatori


Pensioni
A maggio 2016, insieme all'associazione Lavoro&Welfare, ai Comitati locali Quota 42 e Lavoratori Precoci, abbiamo lanciato la campagna “Agli anziani la pensione, ai giovani il lavoro” per chiedere al governo il superamento della legge Fornero e consentire meccanismi di flessibilità in uscita, come previsto dalla proposta di Legge “Damiano-Gnecchi”. Questo avrebbe consentito alle migliaia di persone con oltre 41 anni di contributi versati di andare finalmente in pensione senza penalizzazioni e di liberare posti di lavoro per i più giovani. La petizione ha raccolto oltre 30mila firme online e 20mila su carta, abbiamo tenuto conferenze stampa alla Camera dei Deputati e abbiamo consegnato le firme al presidente della Commissione Lavoro al Senato e alla presidente della Camera. Anche grazie a questa spinta e al rilievo mediatico, a settembre il governo ha sottoscritto un accordo con le organizzazioni sindacali per consentire nuovi meccanismi di flessibilità in uscita. Abbiamo sottoposto l'accordo a un sondaggio interno, tra i firmatari della petizione, e la maggioranza ha chiesto misure ancora più favorevoli per i pensionandi, ripensando il meccanismo dell'Anticipo Pensionistico (APE) previsto dall'accordo di settembre. Per questo motivo abbiamo organizzato un'azione di mailing diretta al presidente del Consiglio Matteo Renzi, affinché rivedesse l'APE. Hanno partecipato circa 2500 persone. Nei media: Il diario del lavoroQuotidiano.netBlastingNews  La voce dei comitati: Video 1Video 2

senato_pensioni.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Caporalato
A luglio 2016 abbiamo creato una coalizione di associazioni (Legambiente, Arci, CittadinanzaAttiva, Lavoro&Welfare) e sindacati (FLAI-CGIL) per la campagna “Stop al Caporalato”. Chiedevamo la rapida discussione e approvazione del disegno di Legge con misure più severe contro le imprese che fanno uso di caporalato in agricoltura, un provvedimento fermo in parlamento da oltre un anno. Abbiamo lanciato la campagna a Lecce, in Puglia, e siamo andati a visitare e documentare le condizioni di lavoro e di vita dei braccianti italiani e migranti, diffondendo la testimonianza di una bracciante pugliese con un video sul sito di Repubblica.it.
Abbiamo raccolto oltre 8mila firme, consegnate a settembre al presidente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, facendo pressione su tutti i parlamentari affinché accelerassero l'iter della nuova legge. Il 18 ottobre il ddl è stato discusso e approvato alla Camera. Nei media: Repubblica.itLeccePrimaInondazioni.it


Terremoto
Il giorno dopo il 24 agosto 2016 abbiamo lanciato la nostra raccolta fondi per le comunità più colpite del terremoto, ovvero quelle dei comuni di Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto. Abbiamo deciso che avremmo consegnato quanto raccolto direttamente ai sindaci, perché conoscono meglio di chiunque altro il territorio e le priorità delle proprie comunità. Infatti dopo alcune settimane abbiamo inviato i 4500 euro donati dai nostri sostenitori ai tre comuni, in proporzione al numero di abitanti.
Oltre alla raccolta fondi abbiamo lanciato una petizione “Mettiamo l'Italia in sicurezza” rivolta al governo affinché si adotti un piano straordinario di prevenzione del rischio sismico e idrogeologico. Per formulare le richieste abbiamo raccolto e seguito le indicazioni dei consigli nazionali degli ingegneri, degli architetti e dei geologi. La petizione ha raccolto circa 45mila firme che sarà presto consegnata al ministro delle Infrastrutture. Il video appello di ingegneri, architetti e geologi.


Razzismo
Ai primi di luglio 2016, a Fermo, nelle Marche, è morto un rifugiato nigeriano, Emmanuel Chidi Namdi, durante una lite con l'italiano Amedeo Mancini, che aveva offeso pesantemente la moglie di Emmanuel, Chinyere, chiamandola “scimmia africana”.
Il caso è presto diventato tema di dibattito nazionale sul razzismo in Italia. Noi abbiamo deciso di mobilitare i nostri sostenitori per mandare un messaggio di solidarietà a Chinyere attraverso il nostro sito. In pochi giorni abbiamo ricevuto oltre mille messaggi, che abbiamo raccolto in un libro e siamo andati a consegnare alla donna nigeriana. Lo stesso giorno abbiamo partecipato alla manifestazione antirazzista a Fermo, con molti nostri sostenitori sotto lo slogan “Sono Fermo contro il razzismo”.
Nei media: GlobalistRivieraOggiTMNotizie

chinery.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trasporto pubblico locale
A febbraio 2016 abbiamo creato una coalizione di associazioni ambientaliste, dei consumatori e di comitati locali di pendolari, per lanciare la campagna “Milletrenipendolari” con l'obiettivo di prevenire gli incidenti, eliminare i disservizi e ridurre l'inquinamento. La petizione è stata firmata da oltre 5500 persone era rivolta al ministro dei Trasporti e ai presidenti delle Regioni.
Lo slogan richiamava il progetto “1000 treni per i pendolari”, annunciato dal governo Prodi nel 2006 ma mai realizzato, con più risorse al trasporto locale, standard più alti di qualità e di efficienza, sia nei tratti gestiti da Trenitalia sia in quelli assegnati ad altre società. Con la petizione, chiedevamo anche di coinvolgere le associazioni dei consumatori, i comitati dei pendolari e i cittadini stessi nel controllo e nella valutazione degli standard di funzionamento del trasporto pubblico locale.
Nei media: Repubblica.itAdnkronos, Espresso, AgiVitaAnsa

 

Diritti umani in Turchia
Subito dopo il colpo di Stato in Turchia, a luglio, la repressione del governo Erdogan sull'opposizione interna è stata molto violenta. Un gruppo di organizzazioni della società civile italiana ha rivolto l'appello “Fermiamo la deriva autoritaria in Turchia” all'Alta Rappresentante dell'Unione europea per gli Affari Esteri, Federica Mogherini, affinché sospendesse il processo di integrazione europea e l’accordo sull’immigrazione con il governo di Ankara. L'appello è stato veicolato da Progressi e sottoscritto da oltre 5500 cittadini, oltre alle 150 associazioni italiane, da Arci a Slowfood, da Libera a Legambiente. L'appello è stato consegnato all'Alta Rappresentante, a ottobre.

Unioni civili
A settembre 2015 abbiamo lanciato la nostra prima petizione online “Approviamo subito il testo sulle Unioni Civili” affinché il Senato discutesse e approvasse al più presto il disegno di Legge “Cirinnà” sulle coppie di fatto. La petizione ha raccolto 7500 firme e il sostegno di vari personaggi della cultura, tra cui scrittori e giornalisti.
Nelle settimane successive abbiamo partecipato alla manifestazione nazionale a Roma e al presidio davanti al Senato con cartelli e striscioni, insieme alle principali associazioni per i diritti LGBT. La campagna è andata avanti fino all'approvazione della legge, a maggio 2016. Nei media: La Repubblica, Rai News

unioni_panth.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Terrorismo
Dopo gli attacchi terroristici a Parigi, a novembre 2015, abbiamo chiesto ai nostri sostenitori di sottoscrivere una lettera di solidarietà a tutte le vittime del terrorismo Isis, in tutto il mondo: ad Ankara, a Beirut, in Siria, in Iraq, in Nigeria - e a tutti i rifugiati costretti a scappare dallo stesso terrore che ha colpito Parigi.
L'iniziativa è stata condivisa da altre organizzazioni della rete OPEN in diversi Paesi, dagli Stati Uniti alla Germania, con un totale di oltre 540mila firme. La lettera di solidarietà è stata pubblicata in una pagina intera del quotidiano francese Le Monde. Dopo la lettera, abbiamo chiesto ai firmatari che cosa avrebbero voluto che il governo italiano facesse contro il terrorismo. Il 71% ha risposto che avrebbe dovuto cercare soluzioni politiche in Medio Oriente. Nei media: La Repubblica


Rifugiati
A dicembre, la Commissione europea ha deciso di dare al governo eritreo 200 milioni di euro, come aiuti allo sviluppo, ma senza condizioni sul rispetto dei diritti umani. Per migliorare la situazione nel Paese e fermare l'esodo verso l'Europa, abbiamo lanciato la petizione “Rifugiati: l'UE non dia soldi alla dittatura eritrea” al ministro degli Esteri italiano e al Commissario europea alla Cooperazione affinché si ponessero il rispetto dei diritti umani e l'avvio di vere riforme democratiche i requisiti per concedere gli aiuti al governo di Asmara. Al nostro appello hanno risposto oltre 5mila persone e abbiamo presentato la petizione nel corso di due audizioni parlamentari alle Commissioni Immigrazione e Affari Esteri. Nelle audizioni, insieme all'agenzia umanitaria Habeshia abbiamo ricordato ai parlamentari che ogni mese circa 5000 persone, soprattutto giovani, scappano dall'Eritrea, dove c'è un regime che nega ogni forma di democrazia e di libertà. A giugno, inoltre, è uscito un rapporto delle Nazioni Unite in cui si denuncia il regime di Asmara di “crimini contro l'umanità”.

Eritrean_refugees_-_Getty-001_Page.jpg

 

DIVENTA SOSTENITORE LANCIA LA TUA CAMPAGNA