Liberiamo il lavoro dalla precarietà!

Sosteniamo la campagna nazionale per l'abrogazione dei voucher e per il ripristino della responsabilità solidale negli appalti. 
Vogliamo liberare il lavoro dalla precarietà e dalla mancanza di tutele.

La campagna referendaria è nata dalla mobilitazione #SfidaxiDiritti e dalla stesura della Carta dei Diritti Universali del Lavoro, promossa dalla CGIL e condivisa da milioni di cittadini in centinaia di piazze e luoghi di lavoro in tutta Italia.

Diciamo Sì all'abrogazione dei voucher perché non vogliamo più accettare il loro uso indiscriminato.

Siamo passati da circa 500mila voucher nel 2008 a oltre 133 milioni nel 2016! Questo strumento non ha ridotto la precarietà, ma l'ha estesa e istituzionalizzata, non ostacolando affatto il lavoro nero. Il lavoro occasionale va normato con contratti completi di tutte le garanzie contributive, previdenziali e assicurative.

Diciamo Sì all'abrogazione dei limiti di «responsabilità solidale» negli appalti. 

Non vogliamo differenze di trattamento tra chi lavora nell’azienda committente e chi in un’azienda appaltatrice o in sub-appalto. Il sistema degli appalti deve garantire gli stessi diritti e le stesse tutele a tutti, senza distinzioni.

Oggi, con questo referendum, abbiamo una grande opportunità per rimettere in moto la partecipazione democratica dei cittadini, liberare il lavoro dalla precarietà e cambiare l’Italia in meglio.

4694 FIRME
OBIETTIVO: 5000 firme

Firma la petizione