Liberiamo il lavoro

Siamo tutti preoccupati dalla disoccupazione e dalla precarietà crescente in Italia. 

Il sondaggio che abbiamo tenuto nei giorni scorsi tra gli iscritti di Progressi parla chiaro: hanno risposto più di 2.200 persone e il 64 per cento ha detto di essere favorevole all'abrogazione dei voucher

Per questo motivo, abbiamo deciso di sostenere la campagna referendaria per il Sì, con l'appello «Liberiamo il lavoro dalla precarietà».

Infatti diciamo Sì all'abrogazione dei voucher perché non vogliamo più accettare il loro uso indiscriminato. Siamo passati da circa 500mila voucher nel 2008 a oltre 133 milioni nel 2016! 
 
Allo stesso modo, diciamo Sì all'abrogazione dei limiti di «responsabilità solidale» negli appalti. Non vogliamo differenze di trattamento tra chi lavora nell’azienda committente e chi in un’azienda appaltatrice o in sub-appalto. 
 

Commenta

Controlla la tua email per il messaggio di conferma attivazione inviato.
  • commenta 2017-02-22 17:35:19 +0100
    E’ ora , prima che sia troppo tardi , affrontare i problemi citati nell’articolo, per dare dignità e fiducia nel sindacato a chi lavora in modo precario e subappaltato !!!